}

11/01/2023

COME SCEGLIERE L'OFFERTA LUCE MIGLIORE PER LE PROPRIE ESIGENZE?

come scegliere l'offerta luce migliore

Scegliere l'offerta luce migliore per le proprie necessità può essere complesso: districarsi tra i diversi aspetti legati alle proposte dei vari fornitori di energia, considerare tutte le caratteristiche di ciascuna offerta e scegliere quella che meglio risponde ai propri bisogni richiede tempo e pazienza.

Quando si valuta un'offerta luce, sia per un nuovo contatore sia nel caso in cui si debba procedere a una voltura o un subentro per un nuovo appartamento appena acquistato o affittato, bisogna tenere in considerazione diversi punti: il prezzo della materia prima è sicuramente uno degli aspetti principali da considerare, ma non è l'unico. In questo articolo proviamo a darvi qualche indicazione e dei suggerimenti per valutare al meglio le diverse proposte.

Come scegliere la migliore tariffa elettrica per le proprie necessità?

Vediamo brevemente quali sono alcuni degli aspetti principali da tenere in considerazione quando si vuole valutare una nuova offerta energia elettrica per la casa o per la propria attività.

Costo materia prima luce

Il costo della materia prima è sicuramente il primo punto di attenzione ed è, molto probabilmente, l'informazione principale su cui si concentra chiunque voglia esplorare e confrontare le proposte dei vari fornitori in cerca dell'offerta di energia elettrica migliore per sé.

Bisogna tenere presente che il prezzo della materia prima energia elettrica è basato sul PUN - il Prezzo Unico Nazionale - sia nel caso in cui abbiate un fornitore nel mercato libero, sia che ne scegliate uno che ancora offre la possibilità di accedere al mercato di maggior tutela. 

A seconda della proposta commerciale, il costo della materia prima può essere un prezzo finito o un prezzo di base a cui andranno poi aggiunti dei costi fissi o variabili che dipendono da ciascun fornitore e dalla tipologia di mercato in cui esso opera.

Inoltre, il costo della materia prima per un'offerta luce può essere proposto in diversi modi, a seconda della tipologia di contratto. In particolare, è possibile trovare: 

  • prezzo fissoprezzo variabile;

  • prezzo monorario o multifascia.

Cosa cambia tra le diverse proposte e quali sono i vantaggi e gli svantaggi di ciascuna? Andiamo a vederli nel dettaglio.

 

Prezzo fisso o variabile

La prima distinzione tra le offerte riguarda la tipologia di prezzo per la materia prima che può essere fisso o variabile.

Si parla di prezzo fisso quando il fornitore garantisce al cliente un prezzo materia prima bloccato per un determinato periodo di tempo; in questi casi il costo non varia di mese in mese e ha quindi la caratteristica di non subire le oscillazioni di mercato legate alle variazioni del PUN.
Generalmente questo prezzo risulta più alto di quello variabile al momento della sottoscrizione, proprio perché offre una maggior garanzia di stabilità (esattamente come accade per la rata fissa dei mutui) e deve tutelare sia il consumatore che il fornitore. Bisogna sempre considerare che un prezzo fisso ha il vantaggio di non aumentare in caso di impennate del PUN, ma allo stesso tempo ha lo svantaggio di non calare se il costo dell'energia si riduce.

Si parla di prezzo variabile quando si sceglie un'offerta in cui il costo della materia prima segue l'andamento di mercato, seguendo da vicino l'andamento del PUN: questa tipologia di prezzo consente al cliente di beneficiare dei cali di prezzo del mercato, ma non lo mette al riparo dagli eventuali aumenti.

Cosa scegliere tra prezzo fisso e variabile? Dipende in buona parte dalla nostra avversione al rischio e dai prezzi di mercato al momento della sottoscrizione del contratto.

Altri costi da tenere in considerazione

Oltre al costo della materia prima, bisogna sempre considerare eventuali altri costi aggiuntivi o sconti e vantaggi proposti dal fornitore di energia: oneri, accise, spese di trasporto sono costi fissi e variabili definiti dall'autorità e, quindi, uguali per ogni gestore. Esistono però alcuni costi che possono essere stabiliti dal singolo fornitore di energia e che vanno a sommarsi ai costi della materia prima: tali costi aggiuntivi, se presenti, sono sempre specificati nelle Condizioni Tecnico Economiche dell'offerta, da leggere e formare al momento dell'adesione.

I fornitori sono poi liberi di inserire all'interno delle proprie proposte alcuni sconti o vantaggi: si tratta, ad esempio, di sconti una tantum oppure continuativi (riduzione o azzeramento di voci di costo fisse, sconti sul prezzo della materia prima, bonus legati ai consumi ecc...) o, ancora, possono proporre vantaggi dedicati ai propri clienti quali promozioni presenta un amico, scontistiche per chi sceglie una gestione 100% digitale della propria fornitura o pagamenti tramite addebito bancario o persino prodotti omaggio legati al contratto luce.

Tutti questi aspetti sono da tenere in considerazione insieme al costo della materia prima per capire quale sia la proposta economicamente migliore per le proprie necessità.

Scegliere l'offerta in base al proprio utilizzo: le fasce orarie

Un altro aspetto molto importante riguarda le fasce orarie e la scelta tra un'offerta monoraria, bioraria o multioraria:
  • nei contratti luce monorari, la materia prima costa sempre la stessa cifra, indipendentemente dal giorno della settimana o dall'ora del giorno in cui la si utilizza;

  • i contratti biorari hanno due prezzi distinti per le ore di maggior richiesta (diurne feriali) e le restanti fasce orarie (festivi, serali e notturne);

  • nei contratti multifascia il prezzo della materia prima varia a seconda dell'orario di utilizzo, generalmente in tre diverse fasce orarie.

Quale proposta scegliere dipende dall'uso che si fa della propria energia: se si utilizza prevalentemente la sera o nei fine settimana, la multioraria è sicuramente la scelta migliore; se invece si usa prevalentemente di giorno in settimana, meglio optare per una offerta monoraria. 

Per approfondire ulteriormente questo aspetto vi rimandiamo alla guida dedicata alle fasce orarie dell'energia elettrica

 

Quale è il miglior fornitore di luce?

Qual è il miglior fornitore luce? Questa è probabilmente la domanda che tutti si pongono e che, in realtà, non può avere che una sola risposta: dipende. Dipende da cosa stiamo cercando: costo più basso, servizio più efficiente, presenza di punti vendita e consulenti sul territorio ecc.

Come abbiamo visto ci sono molti aspetti da considerare quando si valuta un'offerta luce e, di conseguenza, si decide di affidarsi a un fornitore luce. Bisogna poi ricordare che, oltre ai costi, altri aspetti possono influire sulla propria scelta: c'è chi, ad esempio, è disposto a pagare un prezzo leggermente più alto per avere la garanzia di un servizio di assistenza migliore e più efficiente o chi apprezza la presenza di punti vendita nel proprio comune o nelle vicinanze.

Ci sono poi persone che vogliono poter gestire tutto da remoto, tramite applicazione e portale clienti e danno a questi aspetti un valore aggiunto. 

La scelta del miglior fornitore luce dipende quindi da molteplici aspetti e dalle necessità di ciascuno.

Cosa facciamo noi in Nuovenergie 

In qualità di fornitore luce e gas, cerchiamo sempre di offrire ai nostri clienti energia al prezzo migliore possibile e affianchiamo a questo un servizio di assistenza di alta qualità, con un contact center interno e una rete di punti vendita in continua espansione sul territorio, per poter essere vicini al cliente senza affidarlo a servizi di assistenza esterni alla società.

Ci impegniamo a migliorare continuamente i nostri canali online e diamo la possibilità ai nostri clienti più digitali di gestire la loro fornitura comodamente da casa, tramite il portale clienti e l'app gratuita dedicata.

Offriamo servizi pensati per semplificare la vita a chi ci viene a trovare nei punti vendita, grazie ai totem digitali e al servizio di prenotazione degli appuntamenti per saltare la coda in negozio.

Per scegliere l'offerta luce giusta, basta guardare il costo?

Abbiamo capito che la scelta della miglior offerta luce deve tenere in considerazione diversi fattori, dal prezzo ai costi aggiuntivi, senza dimenticare le caratteristiche peculiari di ogni proposta e la qualità dei servizi offerti dal fornitore di energia. 

Guardare il costo non è sufficiente a garantire la miglior offerta luce sul mercato e a scegliere quella che risponde meglio alle nostre esigenze: è importante fare una valutazione completa e prendersi il tempo necessario per capire quali aspetti sono importanti per noi e individuare così la proposta che soddisferà meglio i nostri bisogni.