FAQ


Nella sezione FAQ (Frequently Asked Questions) troverai le risposte a tutte le domande più frequenti, suddivise per categoria. 
 
Qualora non trovassi una risposta alla tua domanda puoi contattarci al numero verde 800 917 796 o inviare una mail a contatti@nuovenergiespa.it oppure puoi utilizzare il form presente alla pagina CONTATTI

Come diventare cliente : CASA

1. CAMBIO FORNITORE GAS/ENERGIA ELETTRICA

Voglio passare a Nuovenergie. Cosa devo fare?
Cambiare fornitore è semplice. Per passare a Nuovenergie vi basterà sottoscrivere il contratto di fornitura e saremo noi a pensare a tutte le pratiche di chiusura del precedente contratto.

Quali documenti devo presentare?
Per effettuare il passaggio dall’ attuale fornitore verso Nuovenergie sarà sufficiente presentare la seguente documentazione (presso i nostri Punti vendita o via mail a contatti@nuovenergiespa.it):

-  Carta d’identità e codice fiscale del soggetto a cui intestare la fornitura (se l’intestatario della fornitura è diverso dal firmatario è necessaria una delega e copia dei documenti del delegato)

-  Ultima bolletta dell’attuale fornitore

-  Dati catastali dell’unità immobiliare (foglio – mappale – subalterno)

-  Recapito telefonico

Trova tutti documenti precedentemente citati al seguente link.

Quanto costa cambiare fornitore?
Cambiare fornitore è completamente gratuito, salvo eventuali spese amministrative.

Se cambio fornitore viene interrotta la fornitura per un periodo?
Assolutamente no! Il passaggio ad un nuovo fornitore non comporta alcuna interruzione del servizio.

Voglio cambiare fornitore. Devo sostituire il contatore?
Passando ad un nuovo fornitore sono solo le condizioni commerciali a variare. Non è necessario sostituire il contatore o alcun intervento agli impianti. 

Ho stipulato un contratto con Nuovenergie. Devo comunicarlo al mio vecchio operatore?
Una volta sottoscritto il contratto con Nuovenergie saremo noi ad inviare la richiesta di recesso al distributore locale e al vecchio fornitore, senza che ci siamo altre incombenze per il cliente.

Ho stipulato un contratto con Nuovenergie. Quando inizierà la nuova fornitura?
Per i contratti stipulati entro una certa data, la fornitura partirà tendenzialmente dopo circa 1 o 2 mesi. Per esempio per contratti stipulati in un giorno qualsiasi di aprile (per esempio il 18 aprile), il passaggio al nuovo fornitore avverrà il 1° giugno. Qualche giorno prima del passaggio, il distributore effettua una lettura del contatore per consentire al vecchio operatore di emettere l’ultima bolletta con un eventuale conguaglio. Questo stesso valore rappresenta anche il punto di partenza per il conteggio dei consumi addebitati dal nuovo operatore nelle successive bollette.
Di norma, il preavviso per il recesso di un contratto è di 1 mese per i clienti domestici (sia per l’energia elettrica che per il gas) e di 3 mesi per i possessori di partita IVA e/o imprese (solo per l’energia elettrica. Per il gas resta il periodo di preavviso di 1 mese).
 
Ho cambiato fornitore e sono passato al mercato libero. Posso tornare al mercato tutelato? In che modo?

Il cliente può, in qualsiasi momento, tornare al mercato tutelato anche se è recentemente passato al mercato libero. Bisogna però prestare attenzione alle condizioni contrattuali con l’attuale fornitore e rispettare il preavviso previsto dal contratto.

Quante volte posso cambiare fornitore? Esiste un limite?
No! Un utente di gas ed energia elettrica può decidere di cambiare fornitore quando e quante volte preferisce. Non esiste infatti alcun limite.

2. NUOVE ATTIVAZIONI GAS

Ho appena acquistato un immobile e non è mai stato attivato alcun contratto di fornitura. Cosa devo fare?
Nel caso in cui l’unità immobiliare per la quale si richiede la fornitura di gas sia già collegata alla rete di distribuzione sarà necessario procedere con un’attivazione ai sensi della Delibera 40/14 AEEGSI.

Quali documenti devo presentare?
Per richiedere l'attivazione di un contatore di GAS è necessario presentare la seguente documentazione:

-   Carta d’identità e codice fiscale del soggetto a cui intestare la somministrazione (se il firmatario è diverso dall’intestatario è necessaria delega e documento d’identità del delegato)

-   Dati catastali dell’unità immobiliare e copia del contratto di locazione (nel caso in cui - l’intestatario del contratto non sia il proprietario dell’abitazione)

-   Allegato H per la richiesta di attivazione della fornitura gas

-   Allegato I ovvero Attestato di corretta esecuzione dell’impianto

-   Mod. PQ ovvero Allegato obbligatorio all’attestazione di corretta esecuzione dell’impianto

-   Visura camerale dell’installatore dell’impianto aggiornata agli ultimi 6 mesi

-   Recapito telefonico

In caso di impianti con potenzialità tra i 50 kW e i 116 kW, oltre ai documenti sopracitati, occorre anche:

-   Il progetto dell’impianto a gas

-   Il progetto della canna fumaria (nel caso sia prevista)

In caso di impianti con potenzialità superiore ai 116 kW, oltre ai documenti sopracitati, occorre anche:

-   CPI (Certificato di Prevenzione Incendi) o copia della dichiarazione per l’autorizzazione provvisoria all’esercizio dell’attività presentata al Comando dei vigili del Fuoco corredata da certificazione rilasciata da un tecnico abilitato circa la corretta esecuzione

La documentazione richiesta ai sensi della Delibera 40/14 AEEGSI sarà sottoposta ad accertamento dell’azienda distributrice per verificare se l’impianto a cui attivare la fornitura di gas è stato installato nel rispetto delle norme di sicurezza.
La documentazione potrà essere presentata presso uno dei nostri punti vendita o inviata via mail all’indirizzo contatti@nuovenergiespa.it.

Trova tutti documenti precedentemente citati al seguente link.

Entro quanti giorni la fornitura sarà attiva?
Di norma, la richiesta di attivazione si completa entro 13/15 giorni lavorativi.

E se l’unita immobiliare non fosse ancora collegata alla rete di distribuzione?
Nel caso in cui l’unità immobiliare per la quale si richiede la fornitura di gas Nuovenergie non sia collegata alla rete di distribuzione, sarà necessario richiedere un preventivo per l’allacciamento. Per avere il preventivo da parte del Distributore Locale è necessario compilare una Domanda di allacciamento che, una volta ricevuta la domanda, effettuerà un sopralluogo e il preventivo. Una volta che il preventivo è stato saldato, il Distributore inizierà i lavori di allacciamento. Terminati i lavori di allacciamento, il cliente dovrà stipulare il contratto di fornitura consegnando tutta la documentazione necessaria.

3. NUOVE ATTIVAZIONI ENERGIA ELETTRICA

Ho appena acquistato un immobile e non è mai stato attivato alcun contratto di fornitura. Quali documenti devo presentare?
Per richiedere l'attivazione di un contatore di ENERGIA ELETTRICA è necessario presentare la seguente documentazione:

-   Carta d’identità e codice fiscale del soggetto a cui intestare la fornitura (se l’intestatario della fornitura è diverso dal firmatario è necessaria una delega e copia dei documenti del delegato)

-   Dati catastali dell’unità immobiliare (foglio – mappale – subalterno)

-   Numero cliente che viene riportato sul contatore e andrà a comporre il POD

-   Recapito telefonico 

La documentazione potrà essere presentata presso uno dei nostri punti vendita o inviata via mail all’ indirizzo contatti@nuovenergiespa.it.

Trova tutti documenti precedentemente citati al seguente link.

Entro quanti giorni la fornitura sarà attiva?
Di norma, la richiesta di attivazione si completa entro 5 giorni lavorativi.
 

4. SUBENTRO IN FORNITURA CESSATA GAS

Ho appena acquistato un immobile e il contratto di fornitura risulta cessato dai precedenti proprietari. Quali documenti devo presentare?
Per richiedere il subentro in una fornitura cessata di GAS è necessario presentare la seguente documentazione:

• Carta d’identità e codice fiscale del soggetto a cui intestare la fornitura (se l’intestatario della fornitura è diverso dal firmatario è necessaria una delega e copia dei documenti del delegato)
• Dati catastali dell’unità immobiliare e copia del contratto di locazione (nel caso in cui l’intestatario del contratto non sia il proprietario dell’abitazione)
• Matricola del contatore
•Recapito telefonico

Nel caso in cui siano state apportate modifiche all'impianto è necessario allegare anche la seguente modulistica:

• Allegato I ovvero Attestato di corretta esecuzione dell’impianto
• Mod. PQ ovvero Allegato obbligatorio all’attestazione di corretta esecuzione dell’impianto
• Visura camerale dell’installatore dell’impianto aggiornata agli ultimi 6 mesi

La documentazione potrà essere presentata presso uno dei nostri punti vendita o inviata via mail a questo indirizzo: contatti@nuovenergiespa.it.

Trova tutti documenti precedentemente citati al seguente link.

Entro quanti giorni la fornitura sarà attiva?
Di norma, la richiesta di attivazione si completa entro 13/15 giorni lavorativi nel caso di impianto modificato ed entro 2/3 giorni lavorativi nel caso non fosse stata apportata alcuna modifica all’impianto gas.

5. SUBENTRO IN FORNITURA CESSATA ENERGIA ELETTRICA

Ho appena acquistato un immobile e il contratto di fornitura risulta cessato dai precedenti proprietari. Quali documenti devo presentare?
Per richiedere il subentro su una fornitura di ENERGIA ELETTRICA cessata è necessario presentare la seguente documentazione:

-   Carta d’identità e codice fiscale del soggetto a cui intestare la fornitura (se l’intestatario della fornitura è diverso dal firmatario è necessaria una delega e copia dei documenti del delegato)
-   Dati catastali dell’unità immobiliare (foglio – mappale – subalterno)

-   Numero cliente che viene riportato sul contatore e andrà a comporre il POD

-   Recapito telefonico

La documentazione potrà essere presentata presso uno dei nostri punti vendita o inviata via mail all’ indirizzo contatti@nuovenergiespa.it.

Trova tutti documenti precedentemente citati al seguente link.

Entro quanti giorni la fornitura sarà attiva?
Di norma, la richiesta di riattivazione si completa entro 5 giorni lavorativi.

6. SUBENTRO IN FORNITURA ATTIVA GAS


Mi sono appena trasferito in un’abitazione che ha un contratto attivo con Nuovenergie ma intestato al vecchio inquilino. Cosa devo fare?
Se ti sei trasferito in un’abitazione in cui è già attivo un contratto con Nuovenergie intestato però ad un'altra persona, sarà necessario effettuare un subentro. In questo modo si potrà procedere alla stipula di un nuovo contratto con una nuova intestazione.

Quali documenti devo presentare?
Per richiedere la variazione dell'intestazione del contratto di GAS è necessario presentare la seguente documentazione:

-   Carta d’identità e codice fiscale del soggetto a cui intestare la somministrazione (se il firmatario è diverso dall’intestatario è necessaria delega e documento d’identità del delegato)

-   Dati catastali dell’unità immobiliare e copia del contratto di locazione (nel caso in cui l’intestatario del contratto non sia il proprietario dell’abitazione)

-   Ultima bolletta del precedente intestatario

-   Lettura aggiornata del contatore (è necessaria una foto del contatore a comprova del valore fornito)

-   Matricola del contatore

-   Delega del precedente intestatario

-   Indirizzo a cui recapitare la fattura di chiusura del precedente intestatario

-  Recapito telefonico

La documentazione potrà essere presentata presso uno dei nostri punti vendita o inviata via mail all’ indirizzo contatti@nuovenergiespa.it.

Trova tutti documenti precedentemente citati al seguente link.

Se effettuo un subentro viene interrotta la fornitura per un periodo?
Assolutamente no! La voltura non comporta alcuna interruzione del servizio e sarà immediata nel momento in cui ti recherai presso un nostro Punto vendita. Nel caso in cui inoltrerai la documentazione tramite mail la richiesta verrà evasa entro circa 3 giorni lavorativi. Contestualmente, il distributore effettua una lettura del contatore per consentire di emettere l’ultima bolletta al precedente intestatario con un eventuale conguaglio. Questo stesso valore rappresenta anche il punto di partenza per il conteggio dei consumi addebitati dal nuovo intestatrio nelle successive bollette.

Nel caso in cui il precedente intestatario sia deceduto?
Dovrai presentarci il certificato di morte dell’intestatario della fornitura o l’autocertificazione del parente prossimo dove sono indicati data e luogo del decesso.

E in caso di separazione?
Dovrai presentarci la copia dell’atto di separazione dall’intestatario rilasciato dal Tribunale.

7. SUBENTRO IN FORNITURA ATTIVA ENERGIA ELETTRICA

Mi sono appena trasferito in un’abitazione che ha un contratto attivo con Nuovenergie ma intestato al vecchio inquilino. Cosa devo fare?
Se ti sei trasferito in un’abitazione in cui è già attivo un contratto con Nuovenergie intestato però ad un'altra persona, sarà necessario effettuare un subentro. In questo modo si potrà procedere alla stipula di un nuovo contratto con una nuova intestazione.

Quali documenti devo presentare?

Per richiedere la variazione dell'intestazione del contratto di ENERGIA ELETTRICA è necessario presentare la seguente documentazione:

-   Carta d’identità e codice fiscale del soggetto a cui intestare la somministrazione (se il firmatario è diverso dall’intestatario è necessaria delega e documento d’identità del delegato)
-   Dati catastali dell’unità immobiliare e copia del contratto di locazione (nel caso in cui l’intestatario del contratto non sia il proprietario dell’abitazione)
-   Ultima bolletta del precedente intestatario
-   Delega del precedente intestatario
-   Indirizzo a cui recapitare la fattura di chiusura del precedente intestatario
-   Recapito telefonico

La documentazione potrà essere presentata presso uno dei nostri punti vendita o inviata via mail all’ indirizzo contatti@nuovenergiespa.it.

Trova tutti documenti precedentemente citati al seguente link.

Se effettuo un subentro viene interrotta la fornitura per un periodo?
Assolutamente no! La voltura non comporta alcuna interruzione del servizio e sarà immediata nel momento in cui ti recherai presso un nostro Punto vendita. Nel caso in cui inoltrerai la documentazione tramite mail la richiesta verrà evasa entro circa 3 giorni lavorativi.

Nel caso in cui il precedente intestatario sia deceduto?
Dovrai presentarci il certificato di morte dell’intestatario della fornitura o l’autocertificazione del parente prossimo dove sono indicati data e luogo del decesso.

E in caso di separazione?
Dovrai presentarci la copia dell’atto di separazione dall’intestatario rilasciato dal Tribunale.


Come diventare cliente : BUSINESS

1. CAMBIO FORNITORE GAS/ENERGIA ELETTRICA

Voglio passare a Nuovenergie. Cosa devo fare?
Cambiare fornitore è semplice. Per passare a Nuovenergie vi basterà sottoscrivere il contratto di fornitura e saremo noi a pensare a tutte le pratiche di chiusura del precedente contratto.

Quali documenti devo presentare?
Per effettuare il passaggio dall’ attuale fornitore verso Nuovenergie sarà sufficiente presentare la seguente documentazione (presso i nostri Punti vendita o via mail a contatti@nuovenergiespa.it):

-   Autorizzazione/delega dell’amministratore con fotocopia dei documenti dello stesso

-   Partita IVA

-   Visura camerale dell’azienda aggiornata agli ultimi 6 mesi

-   Ultima bolletta dell’attuale fornitore

-   Dati catastali dell’unità immobiliare (foglio – mappale – subalterno)

-   Recapito telefonico

Trova tutti documenti precedentemente citati al seguente link.

Quanto costa cambiare fornitore?
Cambiare fornitore è completamente gratuito, salvo eventuali spese amministrative.

Se cambio fornitore viene interrotta la fornitura per un periodo?
Assolutamente no! Il passaggio ad un nuovo fornitore non comporta alcuna interruzione del servizio.

Voglio cambiare fornitore. Devo sostituire il contatore?
Passando ad un nuovo fornitore sono solo le condizioni commerciali a variare. Non è necessario sostituire il contatore o alcun intervento agli impianti.  

Ho stipulato un contratto con Nuovenergie. Devo comunicarlo al mio vecchio operatore?
Una volta sottoscritto il contratto con Nuovenergie saremo noi ad inviare la richiesta di recesso al distributore locale e al vecchio fornitore, senza che ci siamo altre incombenze per il cliente.

Ho stipulato un contratto con Nuovenergie. Quando inizierà la nuova fornitura?
Per i contratti stipulati entro una certa data, la fornitura partirà tendenzialmente dopo circa 1 o 2 mesi. Per esempio per contratti stipulati in un giorno qualsiasi di aprile (per esempio il 18 aprile), il passaggio al nuovo fornitore avverrà il 1° giugno. Qualche giorno prima del passaggio, il distributore effettua una lettura del contatore per consentire al vecchio operatore di emettere l’ultima bolletta con un eventuale conguaglio. Questo stesso valore rappresenta anche il punto di partenza per il conteggio dei consumi addebitati dal nuovo operatore nelle successive bollette.
Di norma, il preavviso per il recesso di un contratto è di 1 mese per i clienti domestici (sia per l’energia elettrica che per il gas) e di 3 mesi per i possessori di partita IVA e/o imprese (solo per l’energia elettrica. Per il gas resta il periodo di preavviso di 1 mese).
 
Ho cambiato fornitore e sono passato al mercato libero. Posso tornare al mercato tutelato? In che modo?
Il cliente può, in qualsiasi momento, tornare al mercato tutelato anche se è recentemente passato al mercato libero. Bisogna però prestare attenzione alle condizioni contrattuali con l’attuale fornitore e rispettare il preavviso previsto dal contratto.

Quante volte posso cambiare fornitore? Esiste un limite?
No! Un utente di gas ed energia elettrica può decidere di cambiare fornitore quando e quante volte preferisce. Non esiste infatti alcun limite.         

2. NUOVE ATTIVAZIONI GAS

Ho appena acquistato un immobile e non è mai stato attivato alcun contratto di fornitura. Cosa devo fare?
Nel caso in cui l’unità immobiliare per la quale si richiede la fornitura di gas sia già collegata alla rete di distribuzione sarà necessario procedere con un’attivazione ai sensi della Delibera 40/14 AEEGSI.

Quali documenti devo presentare?
Per richiedere l'attivazione di un contatore di GAS è necessario presentare la seguente documentazione:

  • Autorizzazione/delega dell’amministratore con fotocopia dei documenti dello stesso

  • Partita IVA

  • Visura camerale dell’azienda aggiornata agli ultimi 6 mesi

  • Dati catastali dell’unità immobiliare e copia del contratto di locazione (nel caso in cui l’intestatario del contratto non sia il proprietario dell’abitazione)

  • Allegato H per la richiesta di attivazione della fornitura gas

  • Allegato I ovvero Attestato di corretta esecuzione dell’impianto

  • Mod. PQ ovvero Allegato obbligatorio all’attestazione di corretta esecuzione dell’impianto

  • Visura camerale dell’installatore dell’impianto aggiornata agli ultimi 6 mesi

  • Recapito telefonico

In caso di impianti con potenzialità tra i 50 kW e i 116 kW, oltre ai documenti sopracitati, occorre anche:

  • Il progetto dell’impianto a gas

  • Il progetto della canna fumaria (nel caso sia prevista)

In caso di impianti con potenzialità superiore ai 116 kW, oltre ai documenti sopracitati, occorre anche:

  • CPI (Certificato di Prevenzione Incendi) o copia della dichiarazione per l’autorizzazione provvisoria all’esercizio dell’attività presentata al Comando dei vigili del Fuoco corredata da certificazione rilasciata da un tecnico abilitato circa la corretta esecuzione

La documentazione richiesta ai sensi della Delibera 40/14 AEEGSI sarà sottoposta ad accertamento dell’azienda distributrice per verificare se l’impianto a cui attivare la fornitura di gas è stato installato nel rispetto delle norme di sicurezza.
La documentazione potrà essere presentata presso uno dei nostri punti vendita o inviata via mail all’indirizzo contatti@nuovenergiespa.it.

Trova tutti documenti precedentemente citati al seguente link.

Entro quanti giorni la fornitura sarà attiva?
Di norma, la richiesta di attivazione si completa entro 13/15 giorni lavorativi.

E se l’unita immobiliare non fosse ancora collegata alla rete di distribuzione?
Nel caso in cui l’unità immobiliare per la quale si richiede la fornitura di gas Nuovenergie non sia collegata alla rete di distribuzione, sarà necessario richiedere un preventivo per l’allacciamento. Per avere il preventivo da parte del Distributore Locale è necessario compilare una Domanda di allacciamento che, una volta ricevuta la domanda, effettuerà un sopralluogo e il preventivo. Una volta che il preventivo è stato saldato, il Distributore inizierà i lavori di allacciamento. Terminati i lavori di allacciamento, il cliente dovrà stipulare il contratto di fornitura consegnando tutta la documentazione necessaria.

3. NUOVE ATTIVAZIONI ENERGIA ELETTRICA

Ho appena acquistato un immobile e non è mai stato attivato alcun contratto di fornitura. Quali documenti devo presentare?
Per richiedere l'attivazione di un contatore di ENERGIA ELETTRICA è necessario presentare la seguente documentazione:

  • Autorizzazione/delega dell’amministratore con fotocopia dei documenti dello stesso

  • Partita IVA

  • Visura camerale dell’azienda aggiornata agli ultimi 6 mesi

  • Dati catastali dell’unità immobiliare (foglio – mappale – subalterno)

  • Numero cliente che viene riportato sul contatore e andrà a comporre il POD

  • Recapito telefonico

La documentazione potrà essere presentata presso uno dei nostri punti vendita o inviata via mail all’ indirizzo contatti@nuovenergiespa.it.

Trova tutti documenti precedentemente citati al seguente link.

Entro quanti giorni la fornitura sarà attiva?
Di norma, la richiesta di attivazione si completa entro 5 giorni lavorativi.

4. SUBENTRO IN FORNITURA CESSATA GAS

Mi sono appena trasferito in un’abitazione che ha un contatore piombato o rimosso. Cosa devo fare?
Se nell’unità immobiliare per cui si richiede la fornitura gas era già attiva una fornitura ma il contatore è piombato e/o rimosso bisogna procedere con una riattivazione (ovvero un subentro in fornitura cessata). Il subentro si definisce in fornitura cessata se è presente un impianto di utenza in servizio per il quale la fornitura è stata sospesa dal distributore.

Quali documenti devo presentare?
Per richiedere il subentro in una fornitura cessata di GAS è necessario presentare la seguente documentazione:

  • Autorizzazione/delega dell’amministratore con fotocopia dei documenti dello stesso

  • Partita IVA

  • Visura camerale dell’azienda aggiornata agli ultimi 6 mesi

  • Dati catastali dell’unità immobiliare e copia del contratto di locazione (nel caso in cui l’intestatario del contratto non sia il proprietario dell’abitazione)

  • Matricola del contatore

  • Recapito telefonico

Nel caso in cui siano state apportate modifiche all'impianto è necessario allegare anche la seguente modulistica:

  • Allegato I ovvero Attestato di corretta esecuzione dell’impianto

  • Mod. PQ ovvero Allegato obbligatorio all’attestazione di corretta esecuzione dell’impianto

  • Visura camerale dell’installatore dell’impianto aggiornata agli ultimi 6 mesi

La documentazione potrà essere presentata presso uno dei nostri punti vendita o inviata via mail all’indirizzo contatti@nuovenergiespa.it.

Trova tutti documenti precedentemente citati al seguente link.

Entro quanti giorni la fornitura sarà attiva?
Di norma, la richiesta di attivazione si completa entro 13/15 giorni lavorativi nel caso di impianto modificato ed entro 2/3 giorni lavorativi nel caso non fosse stata apportata alcuna modifica all’impianto gas.

5. SUBENTRO IN FORNITURA CESSATA ENERGIA ELETTRICA

Ho appena acquistato un immobile e il contratto di fornitura risulta cessato dai precedenti proprietari. Quali documenti devo presentare?
Per richiedere il subentro su una fornitura di ENERGIA ELETTRICA cessata è necessario presentare la seguente documentazione:

  • Autorizzazione/delega dell’amministratore con fotocopia dei documenti dello stesso

  • Partita IVA

  • Visura camerale dell’azienda aggiornata agli ultimi 6 mesi

  • Dati catastali dell’unità immobiliare (foglio – mappale – subalterno)

  • Numero cliente che viene riportato sul contatore e andrà a comporre il POD

  • Recapito telefonico

La documentazione potrà essere presentata presso uno dei nostri punti vendita o inviata via mail all’ indirizzo contatti@nuovenergiespa.it.

Trova tutti documenti precedentemente citati al seguente link.

Entro quanti giorni la fornitura sarà attiva?
Di norma, la richiesta di riattivazione si completa entro 5 giorni lavorativi.

6. SUBENTRO IN FORNITURA ATTIVA GAS

Mi sono appena trasferito in un’abitazione che ha un contratto attivo con Nuovenergie ma intestato al vecchio inquilino. Cosa devo fare?
Se ti sei trasferito in un’abitazione in cui è già attivo un contratto con Nuovenergie intestato però ad un'altra persona, sarà necessario effettuare un subentro. In questo modo si potrà procedere alla stipula di un nuovo contratto con una nuova intestazione.

Quali documenti devo presentare?
Per richiedere la variazione dell'intestazione del contratto di GAS è necessario presentare la seguente documentazione:

-Autorizzazione/delega dell’amministratore con fotocopia dei documenti dello stesso

-Partita IVA

-Visura camerale dell’azienda aggiornata agli ultimi 6 mesi

-Dati catastali dell’unità immobiliare e copia del contratto di locazione (nel caso in cui l’intestatario del contratto non sia il proprietario dell’abitazione)

-Ultima bolletta del precedente intestatario

-Lettura aggiornata del contatore (è necessaria una foto del contatore a comprova del valore fornito)

-Matricola del contatore

-Delega del precedente intestatario

-Indirizzo a cui recapitare la fattura di chiusura del precedente intestatario

-Recapito telefonico

La documentazione potrà essere presentata presso uno dei nostri punti vendita o inviata via mail all’ indirizzo contatti@nuovenergiespa.it.

Trova tutti documenti precedentemente citati al seguente link.

Se effettuo un subentro viene interrotta la fornitura per un periodo?
Assolutamente no! La voltura non comporta alcuna interruzione del servizio e sarà immediata nel momento in cui ti recherai presso un nostro Punto vendita. Nel caso in cui inoltrerai la documentazione tramite mail la richiesta verrà evasa entro circa 3 giorni lavorativi. Contestualmente, il distributore effettua una lettura del contatore per consentire di emettere l’ultima bolletta al precedente intestatario con un eventuale conguaglio. Questo stesso valore rappresenta anche il punto di partenza per il conteggio dei consumi addebitati dal nuovo intestatrio nelle successive bollette.

7. SUBENTRO IN FORNITURA ATTIVA ENERGIA ELETTRICA

Mi sono appena trasferito in un’abitazione che ha un contratto attivo con Nuovenergie ma intestato al vecchio inquilino. Cosa devo fare?
Se ti sei trasferito in un’abitazione in cui è già attivo un contratto con Nuovenergie intestato però ad un'altra persona, sarà necessario effettuare un subentro. In questo modo si potrà procedere alla stipula di un nuovo contratto con una nuova intestazione.

Quali documenti devo presentare?
Per richiedere la variazione dell'intestazione del contratto di ENERGIA ELETTRICA è necessario presentare la seguente documentazione:

-Autorizzazione/delega dell’amministratore con fotocopia dei documenti dello stesso
-Partita IVA
-Visura camerale dell’azienda aggiornata agli ultimi 6 mesi
-Dati catastali dell’unità immobiliare e copia del contratto di locazione (nel caso in cui l’intestatario del contratto non sia il proprietario dell’abitazione)
-Ultima bolletta del precedente intestatario
-Delega del precedente intestatario
-Indirizzo a cui recapitare la fattura di chiusura del precedente intestatario
-Recapito telefonico

La documentazione potrà essere presentata presso uno dei nostri punti vendita o inviata via mail all’ indirizzo contatti@nuovenergiespa.it.

Trova tutti documenti precedentemente citati al seguente link.

Se effettuo un subentro viene interrotta la fornitura per un periodo?
Assolutamente no! La voltura non comporta alcuna interruzione del servizio e sarà immediata nel momento in cui ti recherai presso un nostro Punto vendita. Nel caso in cui inoltrerai la documentazione tramite mail la richiesta verrà evasa entro circa 3 giorni lavorativi.


Bollette
Ogni quanto riceverò la bolletta di Nuovenergie?

La bolletta viene inviata ai clienti (o in alternativa è disponibile registrandosi sul nostro portale clienti web http://servizi.nuovenergiespa.it/) con cadenza bimestrale (o mensile per i consumi superiori a 5000 mc/ anno). Per sapere tutte le scadenze dei pagamenti e la periodicità delle letture e fatturazioni, è disponibile il calendario della fatturazione con relative scadenze. Solitamente, le bollette vengono spedite dai nostri uffici circa 20 giorni prima della data di scadenza per il pagamento.


Entro quando devo pagare la bolletta?

Sul sito Nuovenergie e presso i nostri Punti vendita è disponibile un calendario che indica le periodicità di letture e fatturazioni per i clienti domestici. Clicca qui per scaricare il calendario di fatturazione GAS o ENERGIA ELETTRICA.


Cosa succede se non rispetto la scadenza del pagamento?

La bolletta deve necessariamente essere pagata entro il termine indicato. Nel caso in cui il cliente non rispetti la scadenza prestabilita, oltre al corrispettivo dovuto, Nuovenergie può richiedere il pagamento degli interessi di mora, definiti contrattualmente, ed eventuali costi relativi alle spese postali dovute ai solleciti di pagamento. Se il ritardo supera i tempi stabiliti nel contratto, Nuovenergie può decidere di richiedere la sospensione della fornitura. 


Come posso pagare la bolletta Nuovenergie?

A seguire le modalità di pagamento previste:

DOMICILIAZIONE BANCARIA - SEPA DIRECT DEBIT: Sottoscrivendo apposito modulo allegato alla bolletta e disponibile presso i nostri Punti Vendita e/o scaricabile online è possibile attivare l'addebito automatico della bolletta all'interno del Conto Corrente.

BONIFICO BANCARIO: Il pagamento con bonifico bancario può avvenire sul:

•Conto Corrente intestato a: NUOVENERGIE SPA
•Nominativo della Banca: UBI - Banca Popolare Commercio e Industria
•IBAN: IT22 D031 1120 5000 0000 0007 255

Le chiediamo di indicare sempre il codice cliente e il nr delle fatture insolute all'interno della causale del bonifico e le suggeriamo di inviarci copia contabile del pagamento.
BOLLETTINO POSTALE: Il pagamento con bollettino postale può avvenire sul c/c 39789672 intestato a Nuovenergie S.p.A.

BANCOMAT/CARTA DI CREDITO: Presso tutti i nostri Punti Vendita è possibile effettuare il pagamento tramite Bancomat e carta di credito.

SMARTPHONE - HYPE WALLET: Scarica gratuitamente HYPE WALLET da Apple Store o Google Play. Inquadra il Codice a Matrice presente sul bollettino, inserisci la tua mail e i dati della tua carta di credito di qualsiasi istituto ed effettua il pagamento.


Ho perso la bolletta. Cosa devo fare?

Se avete perso la bolletta, è sufficiente rivolgersi ad uno dei Punti vendita di Nuovenergie per ottenerne una copia. Diversamente, se non riuscite a recarvi presso i nostri Punti vendita, è sufficiente inviare una mail a contatti@nuovenergiespa.it per richiedere un duplicato cartaceo e/o digitale della fattura. Per qualsiasi necessità basta contattare il nostro Servizio clienti 800 917 796 dal lunedì al venerdì, dalle ore 08,30 alle 18,00.
Inoltre, tramite il nostro portale web clienti (disponibile all’indirizzo http://servizi.nuovenergiespa.it/) è possibile, previa registrazione, consultare direttamente online tutte le bollette emesse. 


Cos’è il codice PDR, dove lo trovo?

Il codice PDR è indicato solo ed esclusivamente nella bolletta del gas ed è un codice numerico nazionale di 14 cifre che identifica univocamente il punto di riconsegna e/o punto di prelievo. È indicato nella bolletta del gas nella sezione Dati fornitura.


Cos’è il codice POD, dove lo trovo?

Il codice POD è indicato solo ed esclusivamente nella bolletta dell’energia elettrica ed è un codice alfanumerico nazionale di 14 caratteri che inizia per IT ed identifica il punto di riconsegna e/o prelievo. È indicato nella bolletta dell’energia elettrica nella sezione Dati fornitura


Nella bolletta è indicato il presunto annuo. Che cos’è?

Il presunto annuo è una stima dei consumi annui di ciascun utente in base allo storico. 


Nel riepilogo costi trovo indicate diverse voci tra cui imposte, Spesa per il trasporto e la gestione del contatore e Spesa per oneri di sistema. Cosa significano?

I costi del gas e dell’energia elettrica sono determinati da diverse variabili, che sono fisse per qualsiasi fornitore e vengono determinate dall’AEEGSI. Per quanto riguarda le singole voci di spesa presenti in fattura puoi far riferimento alla “Guida alla Bolletta” a disposizione del Cliente finale sul sito Internet dell’Autorità (https://bolletta.autorita.energia.it/bolletta20/index.php) o sul sito di Nuovenergie  (http://www.guidabolletta.nuovenergiespa.it/#/home), che ti permetterà di comprendere al meglio la conformità delle voci e degli importi presenti sulla stessa.


Ho ricevuto una bolletta di conguaglio. Cosa significa?

La bolletta di conguaglio è una fattura che viene emessa quando sono disponibili dati di lettura effettivi. Dunque, nella bolletta di conguaglio vengono fatturati i consumi effettivi successivamente ad una precedente fatturazione in acconto.
Una bolletta di conguaglio determina un ricalcolo dei consumi contenuti nelle fatture in acconto già emesse e potrebbe determinare o un rimborso al cliente di importi non dovuti o, diversamente, un addebito di importi non fatturati in precedenza. 


Nella bolletta sono indicati consumi stimati. Perché?

I consumi sono stimati qualora non siano pervenute le letture dal Distributore o il cliente non abbia inviato l’autolettura. In relazione al calendario letture del distributore locale, alcune fatture saranno necessariamente di tipo stimato: Nuovenergie, come previsto da contratto, emette dunque le bollette sulla base di una stima di consumo, attribuibile al cliente sulla base delle informazioni disponibili. Per evitare di ricevere bollette che indicano consumi stimati lontani dai consumi reali, è bene ricordarsi di comunicare le autoletture al Numero verde 800.000.845, via mail all’indirizzo contatti@nuovenergiespa.it o consegnando l’apposita cartolina presso i nostri Punti vendita nei periodi prestabiliti dall’apposito calendario (e presenti anche nel relativo box presente sulla prima pagina di ogni fattura emessa). 


Non ho comunicato l’autolettura e ho ricevuto una bolletta con consumi stimati che differiscono notevolmente dai miei consumi reali. Come posso fare?

Qualora i consumi stimati siano molto differenti rispetto ai consumi effettivi, per gli utenti che ne facciano richiesta, Nuovenergie, se in possesso dei dati relativi alle letture effettive del distributore locale e/o comunicate dall’utente, provvederà allo storno della bolletta (in via del tutto eccezionale e solo nel momento in cui questa circostanza si presenterà per la prima volta.). Il consumo a saldo verrò rifatturato con la fatturazione successiva.


Non ho ricevuto la bolletta in formato cartaceo via posta. Come mai?

La bolletta in formato cartaceo viene inviata via posta a tutti i clienti Nuovenergie. Per tutti i clienti iscritti al Portale è disponibile anche la bolletta in formato digitale, comprensiva di eventuale bollettino e/o codice per la domiciliazione bancaria.
Accedendo alla propria area personale e cliccando su FATTURA – FATTURA WEB potrai selezionare la modalità di recapito desiderata. Scegliendo la spedizione elettronica potrai ricevere una mail di notifica di emissione della fattura ogni volta che ne verrà emessa una. Successivamente potrai, in ogni momento, ripristinare la tua preferenza.
Se non hai ricevuto la bolletta contatta il nostro Servizio clienti al numero verde 800 917 796 o all’indirizzo mail contatti@nuovenergiespa.it.


Come posso richiedere il Bonus Sociale?

Il bonus può essere richiesto solamente dal cliente stesso: il fornitore non è coinvolto in questo processo.
Possono ottenere il bonus tutti i clienti domestici intestatari di un contratto di fornitura di gas naturale, per la sola abitazione di residenza, appartenenti:

-ad un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 8.107,5 euro;
-ad un nucleo famigliare con più di 3 figli a carico e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro;
-con misuratore gas di classe non superiore a G6.

Per richiedere il bonus il cittadino deve recarsi presso il proprio Comune di residenza, o presso altro istituto da questo designato, presentando l’apposita modulistica compilata in ogni sua parte. Per compilare i moduli sono necessarie le seguenti informazioni: 

•Dati anagrafici del cliente 
•Residenza 
•Stato di famiglia
•Informazioni sulle caratteristiche del contratto di fornitura (reperibili sulla bolletta)

Tali moduli sono disponibili sul sito dell’Autorità all’indirizzo www.autorità.energia.it. Oltre all’apposita modulistica, il cittadino che intende fare richiesta di ammissione al bonus sociale dovrà allegare copia dell’attestazione ISEE, unitamente alla copia del proprio documento di identità. Per ulteriori informazioni è possibile consultare anche il sito del Ministero dello Sviluppo Economico www.sviluppoeconomico.gov.it, chiamare il numero verde 800.166.654 o visitare il sito www.bonusenergia.anci.it
Per il disagio economico il bonus è riconosciuto per 12 mesi. Al termine di tale periodo, per ottenere un nuovo bonus, il cittadino deve rinnovare la richiesta presentando apposita domanda.  
Maggiori informazioni sono disponibili nell’apposita sezione Bonus Sociale


Perché mi trovo addebitato il Canone RAI in bolletta?

Il canone di abbonamento alla televisione è dovuto da chiunque abbia un apparecchio televisivo e si paga una sola volta all’anno e una sola volta a famiglia, a condizione che i familiari abbiano la residenza nella stessa abitazione. L'importo del canone TV per il 2017 è di 90 euro (articolo 1, comma 40 della legge 11 dicembre 2016, n. 232). 
Si ricorda che dal 2016 (articolo 1, commi da 152 a 159, della legge n. 208 del 2015):

•è stata introdotta la presunzione di detenzione dell’apparecchio televisivo nel caso in cui esista un’utenza per la fornitura di energia elettrica nel luogo in cui una persona ha la propria residenza anagrafica 

•è stato previsto, per i titolari di utenza elettrica per uso domestico residenziale, il pagamento del canone mediante addebito nella fattura dell’utenza di energia elettrica. Per tali soggetti, quindi, il pagamento del canone non potrà più avvenire tramite bollettino postale. 

Informativa sul trattamento dei dati personali (art. 8, comma 3 del decreto n. 94 del 13 maggio 2016)
I dati personali raccolti per la fornitura dell’energia elettrica sono utilizzati, in base alla tipologia di cliente domestico residente, anche ai fini dell’individuazione dell’intestatario del canone di abbonamento e del relativo addebito in bolletta, che, in caso di cliente domestico residente con potenza impegnata fino a 3kW (tariffa D2 della spesa per il trasporto e la gestione del contatore), avverrà senza ulteriori verifiche sulla residenza.

Il pagamento mediante addebito sulle fatture emesse dalle imprese elettriche avverrà in dieci rate mensili, da gennaio a ottobre di ogni anno. Solo per il 2016 il primo addebito del canone è stato effettuato a partire dalla prima fattura successiva al 1° luglio 2016.
Se nessun componente della famiglia anagrafica, tenuta al versamento del canone, è titolare di contratto elettrico di tipo domestico residenziale il canone deve essere versato con il modello F24 entro il 31 gennaio 2017. Esclusivamente per l’anno 2016 il pagamento doveva essere eseguito entro il 31 ottobre 2016.

Il modello F24 deve essere utilizzato per il pagamento del canone anche da parte dei cittadini per i quali la fornitura di energia elettrica avviene nell’ambito delle reti non interconnesse con la rete di trasmissione nazionale (vedi elenco allegato al decreto del 13 maggio 2016, n. 94). Anche i residenti all’estero devono pagare il canone se detengono un’abitazione in Italia dove è presente un apparecchio televisivo. In caso di possesso di apparecchi radio o TV nei locali della propria attività, il canone TV speciale, cioè per gli esercizi pubblici, continuerà invece ad essere pagato con le modalità tradizionali.

Disdire l’abbonamento
Non è più prevista la disdetta dell’abbonamento richiedendo il suggellamento dell’apparecchio tv. I contribuenti titolari di un’utenza di fornitura di energia elettrica per uso domestico residenziale che vogliono disdire l’abbonamento, in quanto non detengono più apparecchi televisivi in alcuna dimora (ad esempio perché li hanno ceduti), devono presentare la dichiarazione sostituiva di non detenzione con il modello appositamente predisposto.

Per ogni informazione, è comunque possibile consultare anche il sito http://www.canone.rai.it/


Perché mi trovo addebitata in bolletta la voce CMOR?

In attuazione di quanto previsto dall'articolo 3, comma 2 della deliberazione 22 marzo 2012, 99/2012/R/eel e con le modalità previste dall'articolo 9 della deliberazione ARG/com 202/09, le Società di vendita inseriscono, nelle bollette nelle quali viene fatturato il corrispettivo CMOR, la seguente comunicazione:
“In questa bolletta Le viene addebitato per conto di un Suo precedente venditore il "Corrispettivo CMOR", a titolo di indennizzo, per il mancato pagamento di una o più bollette. Per ulteriori informazioni su tale corrispettivo si deve rivolgere al precedente venditore o chiamare il numero verde 800 166 654. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito www.autorita.energia.it.”
Come previsto dalla Delibera vigente, dovrai quindi far riferimento ai recapiti soprariportati per poter avere chiarimenti in merito.


Contratti
Cosa devo fare se desidero effettuare un attivazione/voltura ad un contratto di fornitura di energia elettrica o gas?

Per avere tutte le informazioni necessarie ti suggeriamo di visitare la sezione COME DIVENTARE CLIENTE (CASA o BUSINESS).


Cosa devo fare se desidero richiedere un intervento legato al contatore gas (spostamento/potenziamento/eliminazione…)?

Dovrai compilare la documentazione per richieste relative ad interventi sul contatore GAS. Una volta ricevuta la documentazione verrà inviata alla società di distribuzione locale che ti contatterà per un sopralluogo e, successivamente, emetterà un preventivo per i lavori. Quando riceverai il preventivo potrai poi valutare se effettuare il lavoro o se, diversamente, rifiutare il preventivo.


Cosa devo fare se desidero richiedere un intervento legato al contatore di energia elettrica (spostamento/aumento di potenza/modifica della tensione…)?

Dovrai compilare la documentazione per richieste relative ad interventi sul contatore di ENERGIA ELETTRICA. Una volta ricevuta la documentazione verrà valutato l'intervento e ti verranno comunicati eventuali relativi costi.


Cosa devo fare per richiedere la verifica del mio contatore gas?

Se desideri richiedere la verifica del contatore gas dovrai compilare la documentazione per richieste relative ad interventi sul contatore GAS. La verifica verrà effettuata dalla società di distribuzione locale e, qualora fosse appurato il corretto funzionamento del contatore entro i limiti di tolleranza stabiliti dalla normativa vigente in materia, come stabilito dalla delibera dell’AEEGSI ARG/gas 51/08 e s.m.i., sulla prima bolletta utile sarà addebitata una somma variabile in base al tipo di contatore e/o di intervento effettuato. Non verrà addebitato alcun importo nel caso in cui fosse appurato il non corretto funzionamento del contatore.


Cosa devo fare per poter richiedere la domiciliazione bancaria?

Dovrai compilare il MODULO SEPA per la richiesta di attivazione della domiciliazione bancaria. Una volta ricevuto il modulo procederemo con l'inserimento dello stesso a sistema e con la relativa attivazione dell'addebito diretto in conto corrente.  La domiciliazione sarà attiva a partire dal primo ciclo di fatturazione utile successivo alla data di richiesta della stessa.
La prassi è la medesima nel caso in cui volessi variare le coordinate bancaria nel caso in cui avessi già la domiciliazione attiva.
 


Cosa devo fare per richiedere la disdetta della fornitura?

Se vuoi richiedere la cessazione di un contratto GAS o ENERGIA ELETTRICA, dovrai presentare i seguenti documenti: 
•Carta d’identità e codice fiscale del soggetto a cui è intestata la somministrazione, se il firmatario è diverso dall’intestatario è necessaria delega e documento d’identità del delegato.
•Indirizzo a cui si desidera ricevere l’ultima fattura di chiusura
•Ultima bolletta
•Matricola del contatore GAS o codice POD
•Recapito telefonico 
La chiusura del contatore dell’energia elettrica avviene da remoto mentre per la chiusura del contatore GAS deve essere obbligatoriamente presente qualcuno, che non deve essere per forza l’intestatario della fornitura (appuntamento concordato in fase di esecuzione della pratica).  La documentazione potrà essere presentata presso uno dei nostri punti vendita o inviata via mail all’ indirizzo contatti@nuovenergiespa.it. Il contributo da sostenere, come Una Tantum sulla fattura di chiusura, sarà di 30 Euro per la fornitura di GAS e sarà invece pari a 26,48 Euro per l’energia elettrica (costi fissi amministrativi di E-Distribuzione).


Portale clienti
Che cosa devo fare per registrarmi al Portale Clienti di Nuovenergie?

Se desideri iscriverti al Portale Clienti di Nuovenergie è sufficiente collegarsi al sito servizi.nuovenergiespa.it, ed essere in possesso dei seguenti dati:

-Una copia di una bolletta Nuovenergie
-Codice fiscale / Partita Iva
-Indirizzo mail


Come funziona la registrazione al Portale Clienti di Nuovenergie?

Una volta che avrai recuperato le informazioni necessarie e sei sulla homepage del Portale Clienti, clicca su ISCRIVITI, compila i campi richiesti e scegli un username ed iscriviti subito al nostro portale. Riceverai una mail contenente le tue credenziali e la tua password che potrà essere cambiata al primo accesso.


Posso scegliere sia la password che la USERNAME?

Al momento della registrazione è possibile scegliere solamente il proprio nome utente e cioè la propria USERNAME di accesso al portale. In questa fase non ti verrà richiesto di scegliere una password. Una volta completata la registrazione ti invieremo una password generata automaticamente dal sistema che potrà essere immediatamente cambiata.


Quali caratteristiche deve avere la USERNAME per accedere ai servizi online?

La USERNAME per l’accesso dei servizi online può contenere, indifferentemente:

-Lettere maiuscole e minuscole
-Numeri
-Caratteri speciali


Non ho ricevuto la mail di conferma della registrazione. Come mai?

La mail di conferma della registrazione viene inviata direttamente dal sistema se tutto è andato a buon fine. Qualora tu non abbia ricevuto la mail di conferma:

-Controlla la cartella SPAM della tua posta elettronica e verifica che la mail di conferma non sia finita tra la posta indesiderata 
-Verifica che l’indirizzo mail digitato sia corretto: qualora l’indirizzo sia errato puoi procedere direttamente con una nuova registrazione che annullerà la precedente


Ho difficoltà a registrarmi e/o ad accedere al portale. Come posso fare?

Se non riesci a registrarsi può essere che il codice cliente da indicato sia errato: in questo caso, verifica che il codice sia corretto e procedi con la registrazione. Se il problema persiste vai alla sezione “AIUTO”, clicca su RICHIESTA INFORMAZIONI e compila l’apposito modulo. Un nostro operatore ti risponderà nel minor tempo possibile.


Non ricordo se USERNAME che ho scelto ha caratteri maiuscoli o minuscoli: come posso fare?

La USERNAME non è case sensitive e quindi non differenzia le lettere minuscole e maiuscole. Dunque se tu hai impostato come USERNAME “mario.rossi” è indifferente che tu scriva “MARIO.ROSSI” o “mario.rossi”, il sistema ti farà accedere in qualsiasi caso. 


Non ricordo se la PASSWORD che ho scelto ha caratteri maiuscoli o minuscoli: come posso fare?

La PASSWORD, a differenza della USERNAME è case sensitive e quindi differenzia le lettere minuscole e maiuscole. Dunque se tu hai impostato come PASSWORD “admin” tutto minuscolo scrivendo “ADMIN” o “Admin”, il sistema non riconoscerà la password come corretta e non ti farà accedere al portale. 


Ho dimenticato la password. Come faccio ad accedere al Portale Clienti?

Se hai dimenticato la password di accesso puoi resettarla grazie al servizio recupera password che troverai nella homepage del portale. Ti basterà inserire il tuo USERNAME e al portale e ti verranno inviare le istruzioni per resettare la vecchia password e inserirne una nuova.


Voglio cancellarmi dal portale. Cosa devo fare?

Se desideri cancellarti dal portale clienti puoi contattarci inviando una mail a contatti@nuovenergiespa.it e, entro breve termine, un nostro operatore cancellerà la tua iscrizione al portale.


Sono iscritto al portale e voglio ricevere la bolletta in formato elettronico. Cosa devo fare?

Ti informiamo che accedendo alla tua area personale e cliccando su FATTURA – FATTURA WEB potrai selezionare la modalità di recapito desiderata. Scegliendo la spedizione elettronica potrà ricevere una mail di notifica di emissione della fattura ogni volta che ne verrà emessa una. Successivamente potrai, in ogni momento, ripristinare la tua preferenza.


Quali operazioni posso fare con il Portale Clienti?

Attraverso il portale clienti di Nuovenergie puoi:

-Consultare l’archivio delle tue bollette
-Effettuare l’autolettura
-Essere avvisato quando viene emessa la fattura 
-Consultare lo storico delle letture
-Consultare l’estratto conto dei pagamenti
-Consultare il dettaglio utenza
-Consultare il dettaglio della fornitura e del contratto
-Modificare il tuo indirizzo mail e il tuo recapito telefonico
-Attivare la domiciliazione bancaria
-Modificare l’indirizzo e la modalità di recapito della fattura


Tutti posso registrarsi al Portale Clienti di Nuovenergie?

Possono registrarsi al Portale Clienti tutti coloro che hanno un contratto di fornitura di gas e/o di energia elettrica attivo con Nuovenergie.


Autolettura
Che cos’è l’autolettura?

L'autolettura consiste nella comunicazione dei numeri letti sul contatore, solo per quanto riguarda la fornitura di gas metano, nel periodo indicato in bolletta, da parte del cliente a NuovEnergie ed è fondamentale per la fatturazione in quanto permette a Nuovenergie di avere i dati reali di consumo del cliente.


Che differenza c’è tra lettura e autolettura?

La lettura viene effettuata dal distributore locale che comunica ai fornitori i numeri letti sul contatore. L’autolettura viene effettuata invece direttamente dall’utente che desidera inviare al fornitore i dati reali di consumo ai fini della fatturazione.


Perché è importante comunicare l’autolettura?

Comunicare l’autolettura al proprio fornitore di gas metano è importante poiché permette al cliente di ricevere sempre una fattura basata sui dati reali di consumo, pagando effettivamente quanto consumato. 


Come posso effettuare l’autolettura?

Per comunicare l’autolettura è necessario essere in possesso del proprio codice cliente (che si trova in bolletta nel box a sinistra) e la lettura del contatore gas. È importante comunicarci solo ed esclusivamente i numeri su fondo nero che si trovano sul contatore. Le letture contenenti anche le cifre su fondo rosso non potranno essere registrate. 


Quando posso comunicare l’autolettura?

L’autolettura è utile ai fini della fatturazione solo se comunicata nei periodi preposti. La comunicazione dell’autolettura segue il calendario di fatturazione ed è a cadenza bimestrale. Per il 2017, i periodi per comunicare l’autolettura sono i seguenti:

-Dal 24 al 28 febbraio
-Dal 25 al 30 Aprile
-Dal 25 al 30 Giugno
-Dal 26 al 31 Agosto
-Dal 26 al 31 Ottobre
-Dal 26 al 31 Dicembre

 


Cosa succede se comunico l’autolettura fuori dai periodi indicati?

La tua lettura verrà inserita a sistema ai fini di archiviare i consumi storici ma potrebbe non essere utilizzata ai fini della fatturazione. Per esempio, se comunichi l’autolettura il 28 marzo e il periodo corretto era tra il 25 e il 30 aprile, tutto il mese di aprile verrà necessariamente stimato in quanto non disponiamo di dati reali di consumo.


Come posso comunicare l’autolettura?

Esistono diversi modi per farci pervenire la tua autolettura:

-Utilizzando l’apposito numero verde gratuito 840.000.845 e seguendo le istruzioni della voce guida
-Recandoti presso i Punti vendita di Nuovenergie e utilizzando le apposite cartoline che dovranno essere recapitate, debitamente compilate, ad uno dei nostri uffici.
-Inviando una mail a contatti@nuovenergiespa.it (specificando l’intestatario della fornitura/Codice Cliente).
-Registrandosi al Portale clienti è possibile accedere alla propria pagina personale ed inserire le informazioni richieste nella sezione “Inserimento autoletture”


Con il contatore elettronico devo continuare a comunicare l’autolettura?

Con il nuovo contatore elettronico (Deliberazione AEEGSI 631/2013/R/GAS), pur essendo possibile la lettura a distanza (telelettura) dei dati di prelievo, rimane invariata la periodicità con cui il distributore locale è tenuto ad effettuare i tentativi di raccolta della misura del gas naturale (Deliberazione AEEGSI 117/2015/R/GAS):

-per i punti di riconsegna con consumo annuo fino a 500 Smc/anno: 1 tentativo di raccolta l’anno;
-per i punti di riconsegna con consumo annuo superiore a 500 Smc/anno e fino a 1.500 Smc/anno: 2 tentativi di raccolta l’anno;
-per i punti di riconsegna con consumo annuo superiore a 1.500 Smc/anno e fino a 5.000 Smc/anno: 3 tentativi di raccolta l’anno;
-per i punti di riconsegna con consumo annuo superiore a 5.000 Smc/anno: un tentativo mensile.

Di conseguenza, per avere bollette sempre in linea con i tuoi consumi reali, ti suggeriamo di comunicare costantemente l’autolettura nei periodi e nelle modalità sopracitate. 


Perché si effettua l’autolettura solo per il gas? Posso comunicare l’autolettura anche per l’energia elettrica?

Il contatore del gas è meccanico dunque è necessario che i numeri vengano letti e comunicati a chi si occupa della fatturazione. Al contrario, il contatore dell’energia elettrica è un contatore elettronico, collegato direttamente con gli strumenti di rilevazione delle misure del distributore. Dunque, il contatore dell’energia elettrica viene letto a distanza dal distributore e successivamente vengono comunicati i consumi di quell’utenza al fornitore. Per questo motivo le bollette dell’energia elettrica saranno tutte basate su consumi reali e mai su consumi stimati. 


Mercato libero e maggior tutela
Cosa significa che il mercato dell’energia elettrica e del gas sono liberi?

Quando si afferma che il mercato dell’energia elettrica e del gas sono liberi significa che, da oramai qualche anno, i clienti hanno la libertà di scegliere da quale venditore e a quali condizioni acquistare gas metano ed energia elettrica. Ogni utente può scegliere liberamente tra le diverse proposte degli operatori che forniscono gas ed energia elettrica direttamente al cliente. 


Esistono vincoli di scelta dovuti all’area geografica di appartenenza?

Assolutamente no! Ogni cliente può scegliere liberamente, senza alcun vincolo dovuto all’area geografica di appartenenza. È infatti importante ricordare che il cambio di fornitore si riferisce ad un cambio della gestione commerciale e non necessariamente del distributore. Infatti, in una stessa area possono coesistere più imprese venditrici che forniscono gas ed energia elettrica ma resta un unico distributore che fisicamente si occupa di gestire la rete di distribuzione.


Cosa fa il distributore?

Il distributore, che opera sul territorio in regime di monopolio legale (ottiene cioè la concessione dall’ente locale) gestisce la rete di distribuzione e provvede, per conto del cliente finale o del venditore, ad allacciare il cliente alla rete del gas. Inoltre, il distributore si occupa, per conto del cliente o del venditore, di tutte quelle operazioni che sono connesse alla gestione dell’impianto del gas fino al contatore (attivazione/disattivazione della fornitura, spostamenti di contatori etc.) oltre ad essere responsabile delle attività di misura (posa, manutenzione, verifica e lettura periodica del contatore del cliente).


Cambiando fornitore cambio anche distributore?

No, cambiando fornitore si materialmente solo cambia la gestione commerciale del contratto per l’energia elettrica e il gas. Il distributore, che è colui che gestisce la rete di gasdotti locale su cui transita il gas per essere consegnato al cliente, rimane invece lo stesso, qualsiasi fornitore venga scelto dal cliente.


Da quando posso scegliere il fornitore di energia elettrica e gas per la mia casa o per la mia attività?

Il mercato del gas è stato liberalizzato a partire dal 1 gennaio 2003 e, da quella data, è stata data la possibilità a tutti i clienti (compresi quelli domestici) di acquistare gas scegliendo l’offerta che meglio risponde alle proprie esigenze. Per quanto riguarda invece l’energia elettrica, la liberalizzazione relativa all’attività di vendita ha avuto inizio a partire dal 1 luglio 2007, in seguito ad una Direttiva europea, permettendo così ai clienti di cambiare fornitore liberamente. 


Mercato libero significa assenza di regole e di tutele?

Assolutamente no! Mercato libero non è sinonimo di assenza di regole e di tutele poiché esistono normative ben precise stabilite in maniera internazionale dall’Unione Europea e nazionalmente dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas. Queste regole sono fondamentali per garantire la tutela del consumatore che oltre ai diritti già acquisiti relativi alla qualità commerciale e alla continuità del servizio, viene tutelato anche in materia di informazione e trasparenza delle offerte commerciali, dei prezzi, delle bollette etc.


Cosa succede se, dopo la liberalizzazione, non ho scelto nessun fornitore?

Tutti quei clienti che in seguito alla liberalizzazione non hanno scelto alcun fornitore dell’energia elettrica resteranno all’interno del mercato tutelato in quello che viene definito servizio di maggior tutela. Per quanto riguarda il gas invece, questo stesso servizio si chiama servizio di tutela.


Che cos’è il servizio di maggior tutela?

Il servizio di maggior tutela è il servizio di fornitura dell’energia elettrica dedicato a tutti coloro che decidono di non entrar a far parte del mercato libero. Chi decide di restare all’interno del mercato tutelato avrà delle condizioni contrattuali ed economiche stabilite dall’Autorità per l’Energia elettrica e il Gas. Il servizio di maggior tutela è offerto solo da alcuni fornitori di energia elettrica e non da tutti.


Chi può accedere al servizio di maggior tutela? A chi è dedicato?

Il servizio di maggior tutela è relativo alla fornitura di energia elettrica e si applica solo alle utenze domestiche o alle PMI (per PMI si intendono piccole medie imprese con meno di 50 addetti ed un fatturato annuo non superiore a 10 milioni di euro alimentata in bassa tensione) per i quali è garantita la fornitura di energia a prezzi stabiliti dall’AEEGSI. In primo luogo, godono del servizio di maggior tutela, coloro che in seguito alla liberalizzazione non hanno scelto di cambiare fornitore e non sono entrati a far parte del mercato libero. Allo stesso modo, il servizio di maggior tutela viene applicato anche a quei clienti che ne hanno nuovamente richiesto l’applicazione dopo aver stipulato contratti nel mercato libero con altri fornitori. Le condizioni del servizio di maggior tutela si applicano anche ai clienti domestici e alle PMI che rimangono senza fornitore di elettricità (per esempio in seguito a fallimento di quest'ultimo).


Che cos’è il servizio di tutela?

Il servizio di tutela si applica alla vendita di gas naturale e garantisce la fornitura ai clienti che non passano al mercato libero. Ogni fornitore è obbligato ad inserire tra le sue offerte anche le condizioni economiche di riferimento da applicare ai clienti finali con minori consumi e stabilite trimestralmente dall’AEEGSI. Questo prezzo di riferimento viene offerto esclusivamente ai clienti domestici e ai punti di riconsegna relativi a condomini con uso domestico, con consumo non  superiore a 200.000 Smc/anno.