MERCATO LIBERO
 
Cosa significa che il mercato dell’energia elettrica e del gas sono liberi?

Quando si afferma che il mercato dell’energia elettrica e del gas sono liberi significa che, da oramai qualche anno, i clienti hanno la libertà di scegliere da quale venditore e a quali condizioni acquistare gas metano ed energia elettrica. Ogni utente può scegliere liberamente tra le diverse proposte degli operatori che forniscono gas ed energia elettrica direttamente al cliente.

Cosa fa il distributore?

Il distributore, che opera sul territorio in regime di monopolio legale (ottiene cioè la concessione dall’ente locale) gestisce la rete di distribuzione e provvede, per conto del cliente finale o del venditore, ad allacciare il cliente alla rete del gas. Inoltre, il distributore si occupa, per conto del cliente o del venditore, di tutte quelle operazioni che sono connesse alla gestione dell’impianto del gas fino al contatore (attivazione/disattivazione della fornitura, spostamenti di contatori etc.) oltre ad essere responsabile delle attività di misura (posa, manutenzione, verifica e lettura periodica del contatore del cliente).

Cambiando fornitore cambio anche distributore?

No, cambiando fornitore si materialmente solo cambia la gestione commerciale del contratto per l’energia elettrica e il gas. Il distributore, che è colui che gestisce la rete di gasdotti locale su cui transita il gas per essere consegnato al cliente, rimane invece lo stesso, qualsiasi fornitore venga scelto dal cliente.

Da quando posso scegliere il fornitore di energia elettrica e gas per la mia casa o per la mia attività?

Il mercato del gas è stato liberalizzato a partire dal 1 gennaio 2003 e, da quella data, è stata data la possibilità a tutti i clienti (compresi quelli domestici) di acquistare gas scegliendo l’offerta che meglio risponde alle proprie esigenze. Per quanto riguarda invece l’energia elettrica, la liberalizzazione relativa all’attività di vendita ha avuto inizio a partire dal 1 luglio 2007, in seguito ad una Direttiva europea, permettendo così ai clienti di cambiare fornitore liberamente.

Mercato libero significa assenza di regole e di tutele?

Assolutamente no! Mercato libero non è sinonimo di assenza di regole e di tutele poiché esistono normative ben precise stabilite in maniera internazionale dall’Unione Europea e nazionalmente dall’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas. Queste regole sono fondamentali per garantire la tutela del consumatore che oltre ai diritti già acquisiti relativi alla qualità commerciale e alla continuità del servizio, viene tutelato anche in materia di informazione e trasparenza delle offerte commerciali, dei prezzi, delle bollette etc.

Cosa succede se, dopo la liberalizzazione, non ho scelto nessun fornitore?

Tutti quei clienti che in seguito alla liberalizzazione non hanno scelto alcun fornitore dell’energia elettrica resteranno all’interno del mercato tutelato in quello che viene definito servizio di maggior tutela. Per quanto riguarda il gas invece, questo stesso servizio si chiama servizio di tutela.

Che cos’è il servizio di maggior tutela?

Il servizio di maggior tutela è il servizio di fornitura dell’energia elettrica dedicato a tutti coloro che decidono di non entrar a far parte del mercato libero. Chi decide di restare all’interno del mercato tutelato avrà delle condizioni contrattuali ed economiche stabilite dall’Autorità per l’Energia elettrica e il Gas. Il servizio di maggior tutela è offerto solo da alcuni fornitori di energia elettrica e non da tutti.

Chi può accedere al servizio di maggior tutela? A chi è dedicato?

Il servizio di maggior tutela è relativo alla fornitura di energia elettrica e si applica solo alle utenze domestiche o alle PMI (per PMI si intendono piccole medie imprese con meno di 50 addetti ed un fatturato annuo non superiore a 10 milioni di euro alimentata in bassa tensione) per i quali è garantita la fornitura di energia a prezzi stabiliti dall’AEEG. In primo luogo, godono del servizio di maggior tutela, coloro che in seguito alla liberalizzazione non hanno scelto di cambiare fornitore e non sono entrati a far parte del mercato libero. Allo stesso modo, il servizio di maggior tutela viene applicato anche a quei clienti che ne hanno nuovamente richiesto l’applicazione dopo aver stipulato contratti nel mercato libero con altri fornitori. Le condizioni del servizio di maggior tutela si applicano anche ai clienti domestici e alle PMI che rimangono senza fornitore di elettricità (per esempio in seguito a fallimento di quest’ultimo).

Che cos’è il servizio di tutela?

Il servizio di tutela si applica alla vendita di gas naturale e garantisce la fornitura ai clienti che non passano al mercato libero. Ogni fornitore è obbligato ad inserire tra le sue offerte anche le condizioni economiche di riferimento da applicare ai clienti finali con minori consumi e stabilite trimestralmente dall’AEEG. Questo prezzo di riferimento viene offerto esclusivamente ai clienti domestici e ai punti di riconsegna relativi a condomini con uso domestico, con consumo non  superiore a 200.000 Smc/anno.